M.to.M communication - virus e malware

No Woman no (wanna)cry. Virus o non virus i propri dati bisogna gestirli bene


A pochi giorni  dalla tempesta di Wannacry, il panico si aggira negli hard disk di tutti i computer. Tutti nostri dati potrebbero sparire da un momento all'altro. Anni di archivi, mail, fotografie, promozioni, offerte, disegni, progetti, contabilità. Tutta la nostra vita digitale è in una scatola, che può essere aperta, violata, rovinata da chiunque abbia un po' di confidenza con i computer. Non è facile rubare i dati di qualsiasi device, ma non così difficile

Ecco alcuni semplici accorgimenti da adottare:

  1. Aggiornate sempre il Vostro sistema operativo.  “Start” > “Impostazioni” > “Aggiornamento di sicurezza” > “Windows Update” (il percorso può variare a seconda della versione di Windows, se non lo trovate, potate usare la funzione “Cerca” scrivendo “Windows Update”). Su CERT-PA, alcuni suggerimenti utili per  fronteggiare il ransomware, tra cui il procedere urgentemente con l'installazione della patch Microsoft risolutiva MS17-010 disponibile anche per i sistemi Windows fuori supporto.

  2. Aggiornare windows Defender. C’è un’icona a forma di castello nella barra delle applicazioni)

  3. Prestare la massima attenzione ai messaggi di posta elettronica. Al fine di non incappare in questa tipologia di malware è bene verificare tutti i file allegati inclusi in archivi di tipo .ZIP o .RAR poichè potrebbero contenere all'interno altre tipologie di file malevoli.

  4. Eseguire periodicamente copie di backup dei vostri dati più importanti. Salvate tutto quello che ritenete importante su un supporto esterno, un hd portatile, Nas, DVD, ma non tenetelo sempre collegato al pc. Utilizzate quessto supporto solo in caso si backup o ripristino dei dati. Ricordatevi di effettuare la scansione periodica con software antivirus anche sui vostri device esterni.

Non esistono sistemi infallibili per proteggersi da tali attacchi e intrusioni, l'unica soluzione è avere un backup. Alcuni tipi di malware, i ransomware come nel caso di wannacry non danneggiano i vostri dati, ma li criptano rendendoli inutilizzabili.

Per poterli ripristinare viene richiesto un pagamento in cambio di una "chiave" che li rende nuovamente utilizzabili. Il prezzo varia da pochi euro ad alcune migliaia. Occorre però ricordare che quando un computer viene attaccato da questo tipo
di virus e, l'utente decide di pagare, si cede solo allo sporco ricatto di gente disonesta. Inoltre c'è un'alta probabilità di essere attaccati nuovamente perché catalogati come utenti che "pagano" pur di riavere i propri dati.

> per maggiori informazioni visita il sito del governo